black&Black incontra Anime senza voce


Quando uscire dal proprio cortile cin Black&Black diventa un lungo viaggio un percorso complesso, Un percorso fatto di grandi riflessioni perché non è possibile sbagliare la strada. Una stada che si compone di alti e bassi che ti rendono il tutto fluttuante. Il fluttuare mi ha portato a non girarmi dall’altra parte quando sul mio tragitto è apparso Anime senza voce.
Un evento Internazionale d’arte contemporanea contro l’abuso minorile. Immediatamente mi è apparso normale raccogliere la sfida interiore.  è stato un attimo lanciarsi in questo argomento difficilissimo.

Contrariamente al mio modo di fotografare mi sono dovuto adeguare ad un regolamento, dove l’artista riceve una testimonianza/lettera di una vittima che nell’età minorile ha subito un abuso, dalla quale dovrà nascere la sua opera.

Ho dovuto adeguare il mio progetto Black&Blacck ad una narrazione di altri che volutamente passa attraverso tutte le cose che fai, il mio fotografare e il mio racconto di “nero a modo mio, dove la macchina fotografica è solo lo strumento per realizzare le immagini La mia narrazione si compone questa volta del concetto “tempo/momento” che tende a zero, e “lo spazio” si riempie del Black assoluto.

Qui la testimonianza viene molto interpretata mediante l’utilizzo di concetti e una narrazione per simboli visto che l’argomento non ammette immagini esplicite, ma solo una narrazione che porta a stimolare emozioni forti.

L’argomento è molto forte e tali devono essere le emozioni, tanto forti che non è ammesso fare sconti e prigionieri.
Per l’ennesima volta mi metto in gioco e mi metto a nudo su una testimonianza non mia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *